Fare l'amore, non fare la guerra

Avremmo dovuto parlare e non lo abbiamo mai fatto.
Intanto ci siamo detti un mucchio di stupide cattiverie.
Abbiamo condotto con armi non funzionanti una stupida guerra di puntiglio. Ed entrambi abbiamo perso.
Avremmo dovuto invece fare l'amore.
Avrebbe dovuto essere un abbraccio, e poi un bacio e poi ancora un altro e poi...
E poi avrebbe dovuto essere pelle nuda e brividi e sudore.
Avrebbe dovuto essere caos nel letto e poi carezze intense come la brezza che viene dalle montagne e che sa di neve.
Avrebbe dovuto essere estasi e poi punte di piacere come volare sulla cima dei monti, sulle creste ghiacciate che scintillano al sole.
Avrebbe dovuto essere energia travolgente come la piena di un fiume e poi la quiete che tutto comprende come l'alba in alta quota.
Avrebbe dovuto essere l'amore fatto come solo noi lo sapevamo fare.

Commenti

Post popolari in questo blog

circuito elettrico

L’uomo giusto e gli uomini che non amano per niente (cit.)