tutore, castigo o cosa??

vorrei rotolarmi con leggerezza in un letto caldo e sul suo corpo vibrante; vorrei sentire i suoi muscoli tonici guizzare sotto la pelle morbida; vorrei accarezzare i suoi glutei lisci e rotondi; vorrei lasciarmi andare in un abbraccio tantrico e sentirmi padrona del mondo; vorrei una carezza sulla testa; vorrei sentirmi dire che va tutto bene.

invece mi incastro nel letto come una mummia egizia; sistemo il braccio in modo che sia rilassato e tiro su la coperta; poi maledico la cinghia che tira dietro al collo, e subito dopo maledico la cinghia che tira dietro la schiena; poi magari dormo grazie all'amica codeina; poi mi sveglio e inizio a scalciare; sono scomoda e mi viene male ai lombi; creo un accrocchio di cuscini e riesco a incastrarmi un poco sul fianco destro.

poi mi alzo incazzata.
e sola.

chi aveva promesso di essermi vicino ha tagliato la corda da tempo...

Commenti

Post popolari in questo blog

circuito elettrico

L’uomo giusto e gli uomini che non amano per niente (cit.)