il Parco del Ticino

trovare qualche ora per perdersi nei boschi del Parco del Ticino in una giornata di ottobre che pare estate. percorrere i sentieri senza meta (*) e senza mappa, in cerca di un bosco silenzioso e solitario.
addentare affamata un panino (**) ascoltando l'acqua e le papere.

che bello averlo fatto.
se non lo avete ancora fatto, fatelo.

più lo conosco, più lo amo
il Parco, il fiume, il mio territorio

ho deciso di conoscerlo meglio e di difenderne la bellezza personalmente, entrando nel Corpo Volontari del Parco del Ticino e il corso che sto seguendo per guadagnarmi l'operatività come operatore di protezione civile e di antincendio boschivo mi sta ulteriormente motivando.
che se non ci fossero i volontari, certe cose non le farebbe nessuno.

difenderò il Parco dal fuoco. e anche dai merenderos.

foto


(*) la mia meta in realtà era un posto ameno per addentare il mio panino
(**) pane e salame super. me lo hanno fatto alla dogana. 1 euro e mezzo


Commenti

Posta un commento

parliamone:

Post popolari in questo blog

circuito elettrico

L’uomo giusto e gli uomini che non amano per niente (cit.)