sfighe settembrine


di solito a settembre arrivano i fichi. quest'anno invece sono arrivate le sfighe.

su un sottofondo di mancanza di pecunia, dovuta alle solite spese più altre che le accompagnavano, si sono inseriti: l'agonia e la morte dello zio, l'infortunio al ginocchio, i ladri in casa.

che io credo che bene o male l'umanità si divida in tre grandi categorie: quelli cui va sempre tutto bene, quelli sfigati, quelli che vivono le tragedie.

io (per fortuna o purtroppo, dipende se leggi dal fondo o dalla fine) appartengo alla seconda categoria. da sempre. e da lì non mi schiodo.

e in tutto questo i miei amici di sempre non si sono accorti accorti di niente; quando se ne sono accorti non hanno ascoltato; quando hanno ascoltato non hanno dato importanza.
(ed è questa la vera solitudine, non la zitellaggine).

per fortuna ci sono amici nuovi un po' più attenti.

Commenti

Post popolari in questo blog

circuito elettrico

L’uomo giusto e gli uomini che non amano per niente (cit.)